×

Ateneo

Progetto Salterio Ambrosiano - Viaggio di studio a Bamberga

Lunes, 17 de Marzo de 2008

La Staatsbibliothek di Bamberga ha autorizzato il viaggio di una rappresentanza del Pontificio Istituto Ambrosiano di Musica Sacra per studiare il cosiddetto «Psalterium Quadrupartitum» (ms. Hs14 ? olim Msc. Bibl. 44) di Salomone III., vescovo di Costanza e abate di S. Gallo (890-919).

La comunicazione è stata data il giorno 5 marzo u.s. dal Prof. Werner Taegert, Direttore della Biblioteca tedesca.

Il codice di Bamberga, risalente alla fine del IX secolo, presenta un testo greco pressoché identico a quello del Salterio greco-latino ambrosiano conservato presso la Staatsbibliothek zu Berlin, Hamilton 552, contenente la cosiddetta «recensione di Simeone», realizzata nella seconda metà del IX secolo presso il monastero di S. Ambrogio in Milano. I due manoscritti sono strettamente legati, anche se non è certo se i due manoscritti siano stati copiati l'uno dall'altro, ovvero se derivino entrambi da un esemplare comune.

Il viaggio, programmato per la fine del mese di marzo 2008, si inquadra nel piano di lavoro riguardante l'edizione critica del Salterio ambrosiano. Esso fa seguito a tre precedenti missioni, svoltesi rispettivamente presso la Staatsbibliothek di Berlino (aprile e luglio 2006) per l'analisi del codice Hamilton 552, e presso la Bayerische Staatsbibliothek di Monaco per lo studio del Salterio ambrosiano «diacritico» CLM 343 (luglio 2007).

Il progetto scientifico, promosso negli anni '30 dal card. Schuster e affidato allo Scriptorium dell'abbazia di Maria Laach (ora Abt-Herwegen-Institut), nel 2005 è stato rilevato dal Pontificio Istituto Ambrosiano di Musica Sacra. In considerazione del valore culturale ed ecclesiale, l'iniziativa ha ottenuto il patrocinio della Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa, del Consolato Generale di Germania a Milano e dell'Istituto Italiano di Cultura a Berlino.

Negli anni decorsi, il programma di ricerca ha beneficiato del sostegno di Fondazione CARIPLO, di Fondazione Lambriana e della Regione Lombardia.