×

Formazione

Formazione ministeriale

Fondato per «venire in aiuto ai cori delle basiliche, delle prevosture, delle parrocchie e delle ri-spettive cappelle musicali dell’archidiocesi», da sempre il PIAMS ha sempre manifestato una particolare attenzione alle realtà pastorali di base (parrocchie, unità e comunità pastorali, de-canati o vicarie, comunità religiose ...) dell’arcidiocesi di Milano, ma non solo.
L’Istituto offre anzitutto un corso base, progettato per la formazione-quadro di coloro che già esercitano, o che intendono esercitare, un ministero liturgico, e in generale degli operatori liturgici:

Parallelamente si propone un corso erogato in teledidattica (a distanza), calibrato sulle esigenze di chi, pur non avendo la possibilità di accedere alla didattica in presenza, desidera un'autorevole introduzione alla liturgia cristiana:

 
La Scuola animatori liturgico-musicali (SALM) offre inoltre un corso biennale orientato ad una formazione approfondita di coloro che sono chiamati ad un servizio liturgico, principalmente nell'ambito della musica e del canto, della proclamazione e dell'animazione delle assemblee celebranti per un competente esercizio del proprio ministero.
Sono attivi due percorsi specializzati:

Ogni anno di corso prevede attività didattica assistita (lezioni frontali e laboratori) per 130 ore di lezioni collettive nelle principali discipline di interesse e 26 di lezioni individuali di strumento o di vocalità obbligatorie od opzionali a seconda del percorso prescelto.
Al termine del prescritto corso di studi viene rilasciato il diploma di Animatore liturgico nella specializzazione prescelta, che non costituisce titolo accademico, ma a cui è annessa una quantità di crediti formativi pari a quella richiesta per i diplomi europei Short cycle o per i diplomi della C-Ausbildung.

Per formare ed educare le comunità alla partecipazione ecclesiale e favorire la corresponsabilità dei laici in un’ottica di servizio e di comunione, oltre che per qualificare e sostenere sul territorio il proficuo impegno e l'insostituibile attività dei numerosi soggetti chiamati a svolgere un compito nella celebrazione liturgica e per suscitare e accompagnare nuovi ministri liturgici, vengono infine proposte differenti tipologie di percorsi personalizzati di formazione permanente (PERFORMA):